“La buona novella” di Fabrizio de André compie 50 anni. Anno di nascita 1970,

E’ un pò più piccola di me, ma è un’opera che è dentro di me.

Ha una durata di poco superiore ai 30 minuti, ma è uno straordinario concentrato di musica e poesia.

Soprattutto “La buona novella” è un grande lavoro di gruppo dove, oltre De André, hanno un ruolo fondamentale Gian Piero Reverberi per la parte musicale e Roberto Danè per i testi.

In secondo luogo, ma non secondario, vi sono I QUELLI, gruppo musicale formato da Franco Mussida, Franz Di Cioccio, Flavio Premoli, Giorgio Piazza, Mauro Pagani. Diventeranno il più grande gruppo musicale italiano:

LA PREMIATA FORNERIA MARCONI (PFM). http://www.pfmpfm.it/official_newsite.html

E’ l’alba di una collaborazione artistica che produrrà frutti straordinari.

1979 PFM e De Andrè in Tour

1984 De André Pagani “Crêuza de mä”

Ne “La buona novella” c’è tutto Faber, come lo chiamava il suo grande amico Paolo Villaggio, il profondo desiderio rivoluzionario di un anarchico, la straordinaria spiritualità di un ateo, la sconfinata ammirazione per una figura come quella del Cristo, il più grande rivoluzionario della storia, come amava ripetere Fabrizio.

Le persone meno attente considerano quel disco anacronistico. Non avevano compreso come LA BUONA NOVELLA era un’allegoria che si precisava nel paragone fra le istanze migliori e più sensate della rivolta del 68′ e le istanze, da un punto di vista spirituale sicuramente più elevate ma da un punto di vista etico-sociale molto simili, che un signore 1969 anni prima aveva fatto contro gli abusi del potere, contro i soprusi dell’autorità in nome di un egalitarismo e di una fratellanza universali.

Fabrizio De André

Inoltre, vi è la figura che in questo disco è prevalente, quella di Maria. Come per Gesù, De André ne descrive il lato umano.

Non Madonna, ma donna e madre, alla quale fa pronunciare parole solo apparentemente blasfeme.

Parole che soltanto una madre può proferire al momento della morte di un figlio:Non fossi stato figlio di Dio, t’avrei ancora per figlio mio

“La buona novella” di Fabrizio de André compie 50 anni.

Un Miracolo Artistico.